Archivi categoria: cose da mettere in testa

non-collaborazione o servitù volontaria

A più di 10 anni dalla prima uscita di “Di sconfitta in sconfitta – Considerazioni sull’esperienza brigatista alla luce di una critica del rito del capro espiatorio” – ed. Colibrì 2002 – e un anno dopo l’uscita della seconda edizione, … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

un libro che non può uscire

Vincenzo Guagliardo Di sconfitta in sconfitta Considerazioni sull’esperienza brigatista alla luce di una critica del rito del capro espiatorio Colibrì edizioni 2012, 166 pagine, 12 euro isbn 88-86345-45-3   Ruvido e spigoloso “Di sconfitta in sconfitta” di Vincenzo Guagliardo, riedito … Continua a leggere

Pubblicato in bibliografia, cose da mettere in testa, cronaca, del giudicare, dello spiegarsi, recensioni | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Il paradigma della produzione e gli incubi del signor Medio

In questi tempi difficili mi capita spesso di leggere competenti, e da me stimati, autori intervenire a proposito della crisi, la Grande Recessione la chiama qualcuno. Dato il carattere eminentemente finanziario della stessa, viene facile rifarsi a chiavi interpretative che … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa, cronaca, fatti noti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

PRO PATRIA. Senza prigioni, senza processi

i morti e gli ergastolani hanno una cosa in comune, non temono i processi. i morti perché non possono finire in galera. gli ergastolani perché dalla galera non escono più. Ascanio Celestini Un racconto di cento minuti. Ascanio è da … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa, del giudicare, parentesi | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

la storia dell’impero

La storia non è quasi mai come ce la raccontano, non fosse altro che perché il più delle volte si basa sulla memoria dei vincitori diventando più una scrittura che una lettura degli avvenimenti.. Il percorso di ricerca della verità … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa, cronaca, parentesi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

tra pubblico e privato

Il senso di alcune parole Bisogna operare con le parole come il maniscalco fa con i suoi attrezzi, controllare che il martello possa pestare duro e l’incudine non per questo debba rischiare di rompersi. La manutenzione della parola ci aiuta … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

i molti figli di Dio

A differenza di molti altri dei, il Denaro non è nato il 25 dicembre, non è morto sulla croce e non è risorto tre giorni dopo. Qualche volta si è sentito poco bene ma solo per ricominciare a stare meglio … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

la moda è antitetica al bello

la moda è antitetica al bello il bello dura nel tempo; la moda è tenuta ad aggiornarsi ad ogni stagione; quello di ‘bello’ è un concetto complesso, che coinvolge pareri, soggettività, culture, canoni estetici e portati storici. Di per se’ … Continua a leggere

Pubblicato in cose da mettere in testa | Contrassegnato , , , | Lascia un commento